IL MONDO DEI SOCIAL NETWORK: PRO E CONTRO.

UNA DELLE REALTA’ VISSUTA AL GIORNO D’OGGI SPIEGATA DAI NOSTRI RAGAZZI.

Per cominciare diamo uno sguardo generale sul “CHE COSA” siano i social network.

I social network (dall’inglese “Rete Sociale”) di norma sono delle piattaforme che permettono inizialmente l’interconnessione di individui in tutte le parti del mondo.

La  prima piattaforma sociale nasce nel 1997 grazie allo statunitense Ellison a cui venne l’idea, per l’appunto, di creare un metodo per interagire con persone anche di altri paesi: SixDegrees.com. Il termine ‘social network’ venne coniato però successivamente, con la creazione di ‘Friendster’, fondato dal programmatore Johnatan Abrams, nel 2002 a Mountain View in California.

Secondo le ricerche effettuate dai nostri ragazzi, i social più conosciuti e allo stesso tempo utilizzati sono: Facebook, Twitter, Instagram e Whatsapp sebbene quest’ultimo non faccia parte di questo “ramo” della tecnologia informatica.

Sono molteplici le funzioni dei social network, per citarne alcuni ad esempio, possiamo mandare messaggi (comunemente espresso con il termine “chattare”, che deriva dall’inglese “chatting”), condividere notizie che arrivano in tempo reale, “postare” foto o addirittura videochiamare. Insomma, possiamo fare cose che in un tempo passato sembravano quasi utopia, ma che ora, nel XXIesimo secolo, rappresentano la quotidianità di cui non si può fare a meno.

Nonostante presentino numerosi vantaggi, le reti sociali hanno un loro lato negativo tra i quali: la perdita di contatto col mondo reale, la creazione di un’identità nuova  a proprio piacimento che potrebbe non rispecchiare quella del soggetto reale, l’impossibilità al 100% di conoscenza del diretto destinatario e possibilità di divulgazione, senza specifici consensi di notizie ritenute, secondo la privacy, molto personali.

Ultimamente è sempre più crescente il fenomeno di cyber bullismo, una forma di comportamento sociale di tipo violento e intenzionale, di natura psicologica, oppressivo e vessatorio, ripetuto nel corso del tempo e attuato nei confronti di persone considerate dal soggetto che perpetra l’atto in questione come bersagli facili e/o incapaci di difendersi, attuato però non in una situazione fisica, ma dietro una schermo, attraverso l’internet, un comportamento di completa mancanza di rispetto nei confronti  di chi ci sta accanto ed è per questo che bisogna sapersi gestire sui social senza dimenticare il vero fine: l’inculturazione e acculturazione tra vari individui del mondo.

FATENE BUON USO!!!

 

Successivo FARSI DEL MALE PER PUNIZIONE